Azioni Zoom ZM [Quotazione e Prezzo in tempo reale]

Ecco quotazione e prezzo in tempo reale delle azioni Zoom ZM, con caratteristiche ed informazioni sull’azienda ed i dati rilevanti sul suo titolo in borsa.

[historical_prices symbol=”ZM” option=”Table historical price full”]

Come comprare azioni Zoom

1. Inizia con un conto con un broker: prima di acquistare azioni Zoom, devi aprire un conto di intermediazione. Un conto di intermediazione è un conto che consente di acquistare e vendere azioni in borsa. Puoi aprire un conto di intermediazione online in pochi minuti con un broker come LiquidityX.

2. Trova le azioni Zoom sull’applicazione del broker: una volta aperto il conto di intermediazione, puoi cercare le azioni Zoom. Puoi cercare le azioni Zoom sul tuo broker online oppure puoi cercarle su un motore di ricerca come Google.

3. Decidi quante azioni acquistare: una volta trovate le azioni Zoom, devi decidere quante azioni acquistare. Le azioni Zoom sono quotate in borsa, quindi puoi acquistarne di più o di meno a seconda del tuo budget.

4. Acquista le azioni: dopo aver deciso quante azioni comprare, è il momento di acquistarle. Puoi farlo direttamente dal tuo conto di intermediazione. Assicurati di controllare i costi di commissione del tuo broker prima di acquistare le azioni.

5. Monitora le tue azioni Zoom: dopo aver acquistato le azioni Zoom, devi monitorarle regolarmente. Puoi farlo controllando le quotazioni in tempo reale su un sito di finanza come Yahoo Finance. In questo modo, sarai sempre informato sullandamento del tuo investimento.

Clicca qui per investire nelle azioni di Zoom su LiquidityX

Zoom Dati Finanziari Rilevanti

Ecco, quindi, i principali dati finanziari di Zoom ZM, inerenti ai suoi numeri ed al suo management.

Principali Azionisti

Ecco il grafico dettagliato con i principali azionisti dell’ecosistema ZM.

[institutional_holders symbol=”ZM” option=”Institutional Holders”]

Management

Di seguito, il management del gruppo, con il board e le sue personalità amministrative.

[key_executive symbol=”ZM” option=”Key Executives”]

Dati Finanziari

Non meno importanti sono i numeri e gli indicatori finanziari di Zoom Video Communications, con informazioni ed i dati più interessanti.

[finantial_ratios symbol=”ZM” option=”Finantial Ratios”]

Indicatori di Borsa

Si tratta dei principali dati aziendali della tech ZM, con indicatori economici utili a comprendere le performance della multinazionale.

[key_metrics symbol=”ZM” option=”Key Metrics”]

Dividendo

A questo punto dell’articolo, rispondiamo alla domanda più frequente in merito all’investimento nell’azienda americana. Ossia: le azioni Zoom ZM pagano i dividendi?

Questo perché è piuttosto comune che compagnie in rapida espansione, specialmente se del settore tecnologico, decidano di non distribuire gli utili tra i propri azionisti, con il fine di accelerare la crescita dell’azienda ed investire in ricerca e sviluppo di nuovi prodotti. Un esempio di questa politica sono proprio le FAANG (Facebook, Amazon, Apple, Netflix, Google), le più importanti aziende tech del pianeta.

Anche in questo caso, i dividendi distribuiti da Zoom sono pari a zero e, molto probabilmente, non pagherà dividendi per il futuro.

Azioni Zoom Andamento e Previsioni

Il titolo Zoom ZM ha visto, a partire dalla sua quotazione nel 2019, un andamento decisamente positivo ed in crescita. Il motivo è sicuramente da attribuire alla qualità della piattaforma ed alla sua rapida diffusione nel mondo, dovuta anche alla pandemia da Covid-19 ed alla necessità di convertire tutte le interazioni in remoto.

Il target price delle azioni Zoom è al momento pari a 370-380 dollari USD, prezzo che secondo gli analisti salirà ancora.

Ecco i passaggi principali, percorsi dal titolo Zoom ZM:

  • 2019-2020: 62,00 – 67,28 USD
  • 2020-2021: 67,28 – 398,50 USD

Come abbiamo riportato, già a partire dalla sua quotazione presso il NASDAQ dell’azienda americana, la sua quotazione registra una quotazione molto alta ed una valutazione di miliardi di dollari.

Zoom Dati Rilevanti

FONDAZIONE 2011 – SAN JOSE – CALIFORNIA
SEDE PRINCIPALE SAN JOSE – CALIFORNIA (US)
CEO ERIC YUAN
SLOGAN WE DELIVER HAPPINESS

Zoom Storia e Modello di Business

La Zoom Video Communications, comunemente conosciuta come Zoom, è una società statunitense che offre un servizio di videoconferenza e collaborazione remota per mezzo di chat e riunioni.

Il suo prodotto di punta è l’omonima piattaforma di comunicazione, che ad oggi è una tra le più adottate nel mondo del business, della scuola e per attività di collaborazione a distanza e che permette attualmente agli utenti di intrattenere riunioni online con un massimo di 100 partecipanti. Il limite sale a 1000 per i clienti business del servizio.

L’azienda nasce nel 2011 per mano di Eric Yuan, già ingegnere capo di Cisco, che lancia Zoom nel 2013 ed ottiene fin da subito il riscontro di circa 1 milione di utenti, numero destinato a crescere e che si attesta oggi a 300 milioni di partecipanti giornalieri alle videoconferenze avviate sulla piattaforma.

A partire dalla sua fondazione, la società tech di San Jose ha migliorato il servizio di meeting costantemente ed è cresciuta a livello esponenziale, registrando tappe significative quali:

  • 1 miliardo di minuti di riunioni totali
  • Finanziamenti per 30 milioni di USD (da fondi di investimento globali)
  • Club “Unicorno” (valutazione di oltre 1 miliardo di USD)
  • Round di 100 milioni di USD (da Sequoia Capital)
  • Quotazione presso il NASDAQ (con IPO pari a 16 miliardi di USD)

A tutto ciò si aggiunge la crescita verticale dell’azienda dovuta alla pandemia da Coronavirus, evento che ha richiesto l’utilizzo di software e servizi di videoconferenza e che ha visto Zoom tra i leader indiscussi del segmento.

La compagnia, dunque, è oggi conosciuta nel mondo per la sua piattaforma di videoconferenza, disponibile su desktop e su smartphone (Android e iOS) e che permette ai suoi utenti di avviare meeting, organizzare e partecipare a webinar, avviare chat istantanee e videochat, creare aree di lavoro virtuali ed avviare riunioni digitando il numero di telefono dei membri.

Oltre a questo, il sistema permette a sviluppatori di terze parti di creare applicazioni ed integrazioni che possano migliorare Zoom ZM e l’esperienza dei suoi utenti.

Il centro di ricavo dell’azienda, quindi, è la vendita di piani d’abbonamento annuale al servizio, disponibile in 4 configurazioni quali Meetings, Phone, Webinar, Rooms, United; ognuna di queste è proposta in varie licenze e prezzi, in funzione delle esigenze del singolo utente. Nell’opzione Meetings, nonché la più comune, Zoom è disponibile con i piani:

  • Gratuito
  • Pro
  • Business
  • Enterprise
  • Zoom United Business

Zoom Partners e Competitors

Approfonditi storia e dati finanziari della compagnia, è importante analizzare partnership e collaborazioni che hanno contribuito al suo successo. Come spesso accade, infatti, l’azienda sviluppa continui accordi commerciali allo scopo di favorire la diffusione di Zoom ed integrarlo ai software più apprezzati nel mondo del business e della scuola.

Tutto ciò, con la finalità di accelerare la crescita dell’organizzazione e la sua penetrazione di mercato rispetto ai competitors. Andiamo a vedere collaborazioni e concorrenti degni di nota.

Partners

Ecco le partnership più importanti avviate da Zoom:

  • Facebook
  • Oracle
  • Redbooth
  • Logitech
  • Vaddio
  • InFocus
  • Meta
  • Slack
  • Duppal
  • Nuvias
  • Epos
  • Deutsche Telekom

Questa era una lista delle principali collaborazioni sviluppate dall’azienda, perennemente impegnata a tessere rapporti con startup e strumenti digitali.

Competitors

Ecco i principali competitors della compagnia:

  • Meet (Google)
  • ON24
  • Viber
  • RingCentral
  • Avaya
  • 8×8
  • GoToMeeting
  • Webex (Cisco)
  • Fuze
  • Skype (Microsoft)
  • Blue Jeans Network
  • Vidyo

Ai servizi che abbiamo menzionato vanno aggiunte piattaforme come Facebook e WhatsApp. I social media, infatti, integrano sempre più in massa la possibilità di comunicare in video ed implementare stanze virtuali.

Altre azioni su cui investire

Conclusioni

In questo articolo abbiamo fornito alcune informazioni utili su Zoom Video Communications Inc. e sulla sua storia; abbiamo approfondito strategie e competitors dell’azienda americana e di uno dei servizi di videoconferenza più conosciuti e diffusi al mondo.

Abbiamo fornito i dati rilevanti sulle azioni Zoom ZM ed analizzato andamento e previsioni, nonché quotazione e prezzo in tempo reale delle azioni.

A questo proposito, abbiamo affrontato il tema dei broker online da utilizzare e delle piattaforme con cui investire in azioni Zoom, indicando LiquidityX oppure eToro come i migliori broker con cui negoziare azioni online.

Questo perché dispongono di requisiti fondamentali come regolamentazione, operatività CFD (che permette di investire Senza Commissioni) e rapidità operativa.

Tutto questo, con l’obiettivo di guidare gli utenti nella loro operatività online e permettere a tutti di comprare azioni a costi bassi.

Quando nasce Zoom?

L’azienda nasce nel 2011 per mano di Eric Yuan e rilascia la piattaforma Zoom nel 2013.

Di cosa si occupa l’azienda?

Zoom Video Communications, nota come Zoom, sviluppa e commercializza un omonima piattaforma per videoconferenze, video meeting, chat e telefono.

Dove comprare azioni Zoom ZM?

Abbiamo indicato le piattaforme eToro e XTB come le migliori con cui comprare azioni Zoom, perché regolamentate e dotate di operatività CFD (che permette di negoziare Senza Commissioni).

Qual è il ticker delle azioni Zoom ZM?

Il ticker di Zoom, quotata presso il NASDAQ, è ZM.

 
[Totael: 0 Media: 0]
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.