Azioni Tod’s (BIT: TOD) in Borsa

Pubblicato: 20 Aprile 2022 da Giulia M.

Ecco una tabella riassuntiva con le informazioni basilari relative alle azioni Tod’s (BIT: TOD):

FONDAZIONE 1900, Marche, Italia
FONDATORI Filippo Della Valle e Dorino Della Valle
SEDE CENTRALE Marche, Italia
FATTURATO 637,2 milioni di euro (2020)
CEO Umberto Macchi Di Cellere

Come comprare azioni Tod’s?

È possibile negoziare le azioni Tod’s sulle migliori piattaforme di trading online qui in tabella:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: xtb
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Demo Gratuita
  • Corso Gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: capex
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Formazione gratuita
  • Consulente personale
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: markets
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Trend dei Traders
  • Sicura e affidabile
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    72,30% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

    Azioni Tod’s: Andamento e Previsioni

    Tod’s si è quotata alla Borsa di Milano nel Novembre del 2000, con un’IPO di circa 33 euro. Le azioni Tod’s (BIT:TOD) sono cresciute fino al 2002 e poi hanno avuto un momento ribassista fino all’anno successivo.

    Dal 2003 hanno ripreso a crescere e nel 2007 valevano circa 65 euro. Le azioni poi sono crollate a causa della crisi mondiale dei mutui subprime che ha colpito tutto il mondo nel 2007 e nel 2008.

    Le azioni sono poi schizzate nel 2009 e nel 2013 hanno raggiunto il picco storico di 142,30 euro. Il periodo migliore dell’azienda è stato quello fra il 2009 ed il 2013.

    Dal 2013 è iniziata una lunga fase ribassista per Tod’s, ci sono stati brevi momenti di ripresa solo nel 2014 e nel 2016. Nel 2014 le azioni TOD valevano circa 70 euro e nel 2019 solo 40.

    A Marzo 2020, con la pandemia Covid-19, le azioni Tod’s sono crollate a picco per poi riprendersi e crollare di nuovo con la seconda ondata ad Ottobre 2020.

    Il 2020 è stato un anno nefasto per il fatturato di Tod’s anche se l’azienda si è ripresa nell’ultimo trimestre con una flessione dei ricavi del 36%, dovuta all’aumento delle vendite in Cina.

    A Gennaio 2021 Tod’s ha ottenuto un prestito di 500 milioni di euro della durata di 5 anni da varie banche, prima fra tutte Intesa San Paolo.

    L’obiettivo del prestito è quello di migliorare la solidità finanziaria della società e di diminuirne il profilo di rischio. Il 2020 è stato un anno difficile per Tod’s soprattutto a causa della diminuzione dei turisti in Italia.

    Noi confidiamo che le azioni Tod’s aumenteranno di valore se Tod’s riuscirà a raggiungere i seguenti obiettivi grazie all’ingresso di Chiara Ferragni nel CdA:

    • Aumento di popolarità tra i giovani
    • Consolidamento sul mercato cinese
    • Miglioramento sul mercato europeo ed americano
    • Miglioramento della strategia digitale
    • Contenimento dei costi
    • Aumento delle vendite sugli e-commerce online

    Tod’s: Storia dell’azienda

    Tod’s è una storica azienda italiana produttrice di calzature, pelletteria, accessori ed abbigliamento. Fanno parte dell’azienda i seguenti marchi famosi: Tod’s, Fay, Hogan e Roger Vivier.

    Vediamo brevemente le tappe principali della storia di Tod’s.

    L’azienda è stata fondata nel 1900 a Sant’Elpidio a Mare, nelle Marche, dal calzolaio Filippo Della Valle.

    Verso la fine degli anni ’60, il figlio Dorino, da vita all’azienda vera e propria. Inizialmente Tos’s produce esclusivamente scarpe destinate ad una clientela femminile tedesca ed americana.

    Nel 1979, il figlio di Dorino, Diego Della Valle, prende la guida dell’azienda, apre un ufficio a Milano e convince vari stilisti ad indossare gratuitamente il suo marchio di scarpe denominato “Diego Della Valle”.

    Nei primi anni ’80 l’azienda lancia i celebri mocassini sotto il marchio Tod’s, scarpe che diventeranno famose in tutto il mondo per la loro estrema qualità e lavorazione minuziosa.

    Nel 1986 , Tod’s lancia il brand Hogan, l’azienda non è più una piccola realtà immersa nelle marche ma un brand di lusso noto a livello internazionale.

    In seguito Tod’s lancia sul mercato anche le note giacche Fay.

    Nel 2000 Tod’s si quota in Borsa FTSE MID di Milano. Durante il corso dei primi anni 2000 Tod’s diventa un brand sempre più affermato e performante e nelle sue campagne pubblicitarie figurano spesso personaggi famosissimi.

    Nel 2007 Tod’s acquisisce il brand di Elisa Schiaparelli e nell’anno successivo stipula un accordo con Marcolin per la produzione di occhiali Tod’s e Hogan, accordi che poi non verranno rinnovati.

    Negli anni l’azienda inizia a performare peggio che nel passato e dal 2017 c’è un calo netto del fatturato. Attualmente il CEO dell’azienda è Umberto Macchi di Cellere dal 2017 , il Presidente è Diego Della Valle ed il vice Presidente è il fratello Andrea Della Valle.

    L’azienda è poi controllata per il 60,67% da Diego Della Valle ed in percentuale minore da altri azionisti, tra cui Bernard Arnault, proprietario del gruppo di lusso più grande al mondo, LVMH.

    Sempre nello stesso anno Tod’s apre uno stabilimento ad Arquata del Tronto, area devastata dal terremoto del 2016.

    Nel 2020, anno della crisi dovuta al Covid-19, il fatturato dell’azienda è sceso del 30,4% rispetto al 2019. Nonostante i risultati scoraggianti degli ultimi anni, l’azienda resta un colosso nel mondo della moda italiana e confidiamo che in futuro possa riprendere a performare meglio, anche grazie alla spinta del mercato cinese.

    Nel 2021, l’imprenditrice digitale Chiara Ferragni entra a far parte del CdA dell’azienda e fa schizzare il titolo. Grazie a lei le azioni Tod’s sono diventate tra le migliori azioni italiane da comprare!

    Tod’s: Modello di Business

    Come affermato Tod’s è proprietaria dei seguenti marchi:

    • Tod’s: marchio noto principalmente per i mocassini
    • Hogan: marchio noto principalmente per le scarpe
    • Fay: marchio noto principalmente per le giacche
    • Roger Vivier

    Tutti i marchi di Tod’s sono affermati nel settore della moda italiano ed estero, se si pensa ad un mocassino di qualità si pensa subito ai “mocassini Tod’s”.

    La proposta di valore dell’azienda è infatti legata soprattutto alla qualità dei prodotti, vediamo nel dettaglio com’è composta:

    • Qualità riconosciuta dei prodotti
    • Unicità dei prodotti
    • Notorietà del brand e dei suoi marchi
    • Know-how tecnico

    I costi principali dell’azienda derivano infatti dal processo di produzione, basti pensare che per realizzare il classico mocassino occorrono circa 100 passaggi di lavorazione, di cui la maggior parte realizzati a mano.

    I ricavi provengono dalla vendita dei prodotti, ricavi diminuiti molto in seguito alla crisi dovuta al Covid.

    Vediamo ora chi sono i partners ed i competitors di Tod’s.

    Tod’s: Partners e Competitors

    Chi sono i partners di Tod’s? I partners di Tod’s sono partner per vari scopi, pubblicità, vendita prodotti ecc.

    Eccone alcuni:

    • Ferrari
    • Net-a-porter
    • Earn Miles
    • Central Saint Martins
    • Teatro alla Scala

    Chi sono i competitors di Tod’s? I principali competitors di Tod’s sono gli altri grandi marchi di lusso, specialmente quelli che producono scarpe, pelletteria e giacche.

    Ecco i principali:

    • Bottega Veneta (leader del mercato)
    • Prada (soprattutto con Church’s)
    • Furla
    • Mulberry Group
    • Longchamp
    • Geox
    • Johnston & Murphy
    • Salvatore Ferragamo
    • Fendi
    • Armani
    • Gucci
    • Dior

    Conclusioni

    Nel corso dell’articolo abbiamo visto il prezzo e la quotazione in tempo reale delle azioni Tod’s. Abbiamo visto poi la storia, il modello di business, i partners ed i competitors dell’azienda.

    Tod’s non ha performato benissimo negli ultimi anni e specialmente nel 2020 è stata molto colpita dalla crisi dovuta al Covid-19. Nonostante ciò l’azienda ha una proposta di valore unica e confidiamo in una ripresa futura.

    Speriamo che il nostro articolo vi sia stato utile! Continuate a seguirci per scoprire tutto sulle principali azioni quotate.

    Piattaforma: etoro
    Deposito Minimo: 50€
    Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    FAQ

    Dove comprare azioni Tod’s?

    È possibile acquistare azioni Tod’s sui broker online regolamentati come eToro o XTB.

    Qual è stato il fatturato di Tod’s nel 2020?

    Tod’s nel 2020 ha ottenuto un fatturato di 637,2 milioni di euro, in calo del 30,4% rispetto al 2019.

    [Totael: 0 Media: 0]
    Lascia una risposta

    L'indirizzo email non verrà pubblicato.